PUBBLICAZIONI

Pubblicazioni medicHE

medicina naturale

Altre publicazioni

E' possibile visionare altre pubblicazioni della dott.ssa su www.omeopatiasalute.it

 

- In edicola giovedì prossimo 28 aprile 2016 il nuovo numero di "Viversani e belli" (ANNO 25, N. 17-29 APRILE 2016) dove troverete un interessante articolo con la consulenza scientifica della Dott.ssa Origlia Caterina dal tema: "Tossine + energia con la dieta Ayurvedica".

Video intervista

BENESSERE ALLEATI DELLA SALUTE DOPO FESTIVITA PASQUALI

VIDEO INTERVISTA

12 03 2016 TELEREGIONE SALUTE L'INTESTINO ALLEATO DI BENESSERE

VIDEO INTERVISTA

24 02 2016 TELEREGIONE SALUTE ALLERGIE E PIANTE CURATIVE

VIDEO INTERVISTA

Tecnologia, un ausilio per il medico

Parla la dott.ssa Origlia Caterina

VIDEO INTERVISTA

SIAMO CIO' CHE MANGIAMO

16 02 2016 TELEREGIONE SALUTE SIAMO CIO CHE MANGIAMO

Interviste

alla Dr.ssa Caterina Origlia, Medico di Medicina Interna

"Il ruolo del magnesio per la nostra salute"

Il Magnesio ha particolari benefici nella cura di patologie cardiache, ad esempio in forme di aritmia, anche a supporto dei farmaci dedicati?

Il Magnesio è un minerale presente naturalmente in molti alimenti e nelle acque, specie "dure". Può essere adoperato come integratore o come farmaco: la differenza è ponderale, relativa alla quantità presente nelle varie formulazioni disponibili, preparate comunque secondo precise disposizioni farmaceutiche, a norma di legge vigente. La forma "farmaco" segue la stretta prescrizione medica mentre la forma "integratore alimentare" segue la normativa relativa, non richiedendo necessariamente la prescrizione medica. La formulazione "farmaco", disponibile anche per uso endovenoso, è frequentemente adoperata nei reparti di Cardiologia e Rianimazione. L'effetto del Magnesio è di bilanciamento dell'equilibrio elettrolitico e di attivazione dello stato energetico delle cellule, in particolare di quelle più attive, come le muscolari cardiache ed i neuroni del sistema nervoso.

Nel caso di aritmie, anche extrasistoliche, un grande “fastidio” è rappresentato per i pazienti da stati ansiosi e di agitazione. In questi casi può influire positivamente una somministrazione di compresse di Magnesio, sentendo il medico curante?
Il Magnesio riequilibra il sistema nervoso vegetativo e può pertanto migliorare disturbi del ritmo cardiaco ad esso correlati, ovvero "disfunzionali". Spesso può essere sufficiente la forma di Magnesio come "oligoelemento", formulazione liquida, a dosi deboli e con molecole ionizzate, immediatamente assorbibile per via sub-linguale: la scelta sicuramente deve seguire l'esclusione clinica da parte del Medico Curante di patologie cardiache organiche o di problematiche ormonali, per esempio tiroidee, e cosi' via, all'origine del disturbo.

Vi possono essere controindicazioni?
Relative alla formulazione adoperata, al tempo di assunzione consecutiva, protratto più o meno a lungo dal paziente, ad altre patologie di base, per esempio l'insufficienza renale, ed alle terapie farmacologiche in corso, come quelle che agiscono su altri minerali interattivi: la relazione Medico-Paziente trova sempre le soluzioni giuste.

Nell’uso degli integratori, le persone tendono al “fai da te”. In particolare, per il Magnesio, spesso in combinazione col Potassio, si può assumere liberamente oppure è necessario od opportuno fare un esame di laboratorio per evidenziare o meno la normalità dei valori? Ed in caso negativo, assumere le predette sostanze?
Il valore della concentrazione del Magnesio nel sangue non sempre è indicativa della concentrazione nei sistemi intracellulari e della forma realmente biodisponibile a livello cellulare. Più indicativo è il dosaggio ematico del Potassio. La contemporanea introduzione del Potassio con Magnesio risente delle stesse indicazioni introduttive: di cosa vogliamo parlare, dei Minerali come farmaci o come integratori, anche se il Potassio è un minerale più delicato nella manipolazione? E sicuramente le carenze quantitative vanno trattate con la introduzione di adeguate dosi ponderali mediante la via di somministrazione più idonea.

L’assunzione di Magnesio si può fare a stomaco pieno o vuoto?
La maggior parte delle formulazioni trovano indicazioni preferibilmenfe lontano dai pasti, per ottimizzare l'assorbimento del minerale e non interferire con i livelli di acidità del succo gastrico, essendo il Magnesio un minerale alcalinizzante.

Per assumere razionalmente il Magnesio sarebbe necessario sentire il medico di MG, specie se la persona interessata abbia patologie in atto, curate con farmaci convenzionali?
La legge prevede che gli integratori nutrizionali non seguano necessariamente la prescrizione medica, mentre i farmaci sì: sicuramente tale indirizzo è motivato da basi scientifiche: pare sia difficile ottenere sovradosaggi oltre i limiti della cosidetta RDA di Magnesio con gli integratori comunemente reperibili, se l'assunzione e' periodica e come da indicazione allegata. Sicuramente il "fai da te" ha molti limiti, quale, non ultimo, quello di trattare sintomaticamente e non secondo le cause e le leggi delle malattie, creando uno squilibrio più profondo, sbagliando traiettoria terapeutica e realizzando incongrue interferenze farmacologiche. Ed ogni medico nell'atto di prescrivere farmaci, nella sua attività clinica, fornisce ai propri pazienti le giuste indicazioni e controindicazioni di interazione con altri possibili presidi terapeutici: mi riferisco alle nefropatie, alle problematiche neurologiche e cardiologiche, per esempio, dove i pazienti vengono pre-allertati relativamente all'assunzione di altri preparati nonché alimenti.

Il Magnesio potrebbe dare effetti indesiderati, di solito non precisati od ignorati in comunicati-stampa ed in inserzioni promozionali. E’ consigliabile, a suo parere, assumere il Magnesio da solo oppure unito al Potassio?
La scelta del giusto prodotto, della giusta dose e del giusto tempo di assunzione consentono un'appropriata prescrizione per un ritorno sicuro nell'efficacia terapeutica: la corretta prescrizione e' sempre priva di insuccessi ed effetti indesiderati. Per Il resto ogni caso è a sè stante ed andrebbe singolarmente esaminato. Il Magnesio ed il Potassio trovano indicazioni separatamente o insieme a seconda della problematica in atto e la scelta spetta al Medico Curante.

A suo parere, il Magnesio si può assumere anche con l’eventuale uso, di farmaci quali sedativi ed ansiolitici? Vi possono essere interazioni?
Se c'è indicazione all'inserimento del Magnesio esistono moltissime formulazioni disponibili. La scelta spetta allo Specialista del settore. In molti casi il Magnesio sostiene e completa l'azione di diversi farmaci e completa il fabbisogno nutrizionale dei minerali, molecole indispensabili per la nostra vita.

Share by: